lunes, 9 de marzo de 2015

Se...


Se sai restare calmo quando tutti intorno a te
Perdono la testa ed è a te che danno la colpa,
Se sai credere in te stesso quando tutti dubitano di te,
Ma anche tenere in conto il loro dubio; 

Se sai aspettare e non stancarti di aspettare,
Se mentono su di te e riesci a non farti prendere dalla bugia,
Se ti odiano e tu non cedi all’odio,
Eppure non sembri troppo buono e non parli troppo saggio;

Se sai sognare – e non fare del sogno il tuo signore;
Se sai pensare – e non fare del pensiero il tuo tutto;
Se sai incontrare el Trionfo e la Rovina
E trattare alla pari questi due impostori;

Se sai sopportare di ascoltare la verità che hai detto
Distorta dai furfanti per farne una trappola da sciocchi,
O guardare le cose per cui hai datto la vita distrutte,
E chinarte e ricostruirle con attrezzi logori;

Se sai fare un mucchio di tutte le tue vincite
E rischiarle in una sola mano di testa-o-croce,
E perdere, e ricominciare dall’inizio
E non dire mai una parola su quello che hai perduto;

Se sai costringere cuore, nervi e tendini
A servire il tuo scopo quando da tempo hanno ceduto,
E a tenere duro quando non c’è nulla in te
Tranne la Volontà che dice loro: “Tenete duro!”

Se sai parlare con le folle e mantenerti intero,
O camminare coi Re e non perdere il senso del mondo,
Se non ti può ferire il nemico né l’amico più caro,
Se tutti contano per te, ma nessuno troppo;

Se riesci a riempire il minuto implacabile
Con sessanta secondi di pura corsa,
Tua è la Terra e tutto ciò che comprende,
E – cosa più importante – sei un Uomo, figlio mio!
 
Rudyard Kipling
Lettera a un figlio

No hay comentarios:

Publicar un comentario